SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

domenica 16 gennaio 2011

Tron - Legacy - Virtuale realtà

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 29/12/2010
REGIA: Joseph Kosinski
SCENEGGIATURA: Adam Horowitz (I), Eddie Kitsis
ATTORI: Jeff Bridges, Olivia Wilde, Beau Garrett, Garrett Hedlund, Bruce Boxleitner, James Frain, Michael Sheen, Serinda Swan.
FOTOGRAFIA: Claudio Miranda
MONTAGGIO: James Haygood
MUSICHE: Daft Punk
PRODUZIONE: LivePlanet, Walt Disney Productions
DISTRIBUZIONE: Walt Disney Studios Motion Pictures Italia
PAESE: USA 2010
GENERE: Azione, Fantascienza, Thriller
DURATA: 127 Min
FORMATO: Colore 1.44 : 1 - 3D


Trama: 

Il giovane e ribelle Sam Flynn (Garrett Hedlund) è ossessionato dalla misteriosa scomparsa di suo padre Kevin Flynn (Jeff Bridges), un tempo noto come il più grande esperto sviluppatore di videogiochi del mondo. Indagando su uno strano segnale proveniente da un vecchio videogioco arcade creato dal padre, Sam si ritrova catapultato in un mondo virtuale dove Kevin è rimasto intrappolato per oltre 20 anni. Con l'aiuto dell'impavida guerriera Quorra (Olivia Wilde), padre e figlio s'imbarcano in un pericoloso viaggio attraverso il cyber-universo in cerca della salvezza.



Commento:

Disney rispolvera la sua rete dopo, un lunga attesa durata 28 anni. Visivamente splendido, è un sufficiente seguito, ben girato con trama semplice e lineare e ben interpretato. Camminata del protagonista a parte. Buono il ritorno di Jeff Bridges nel suo mondo dopo quasi 30 anni. Una pellicola che punta tutto sulla sua forza visiva e sonora (splendida la colonna sono dei Daft Punk). Finale ruffiano, simbologia mistica e religiosa al servizio della tecnologia e viceversa.  



Pro.
Colonna Sonora.
Qualità Visiva.

Contro.
Trama semplice.






Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.