SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

lunedì 10 giugno 2013

33° FANTAFESTI​VAL - GRANDE APERTURA CON “L’ESORCISTA”

Giudizio Film 

L'ESORCISTA (29)

33° FANTAFESTI​VAL - 10-16 Giugno 2013, ROMA

GRANDE APERTURA CON “L’ESORCISTA” IN VERSIONE INTEGRALE DIGITALE

CASA DEL CINEMA (10 GIUGNO)

INGRESSO GRATUITO

Grande apertura, lunedì 10 giugno, all’insegna di un compleanno d’eccezione. A quarant’anni esatti dall’uscita nelle sale di un grande classico del genere come L’Esorcista di William Friedkin, il Fantafestival presenterà in anteprima nazionale la versione restaurata che uscirà nelle sale italiane il 19 giugno (distribuito dalla Nexo Digital). Capolavoro assoluto del genere horror e capostipite di un genere capace di produrre decine di epigoni, l’anteprima del film sarà preceduta da una tavola rotonda sul tema dell’Esorcismo, condotta da importanti esperti tra cui Monsignor Andrea Gemma, lo scrittore e saggista Luciano Pirrotta, che modererà l’incontro, lo scrittore Fabio Giovannini, il docente universitario e uno dei massimi esperti del mondo arabo e del satanismo Angelo Jacovella, lo scrittore Paolo Di Orazio, e a cui parteciperanno diversi registi di genere.
La serata, che si aprirà alle 18.30 con i saluti dei Direttori del Festival Adriano Pintaldi e Alberto Ravaglioli, vedrà poi tra i suoi protagonisti Ruggero Deodato, Federico Zampaglione, Cosimò Alema, Antonio Manetti e Sergio Stivaletti che si confronteranno su un tema di grande attualità: quello dell’esorcismo. Durante l’incontro verrà proiettata una puntata speciale di Wonderland (Rai 4) dedicata al film, contenente un’intervista a William Friedkin e la rubrica “Il Dizionario del Fantastico” (inedita e tutta incentrata sul tema della possessione). Prima della tavola rotonda, i direttori del festival presenteranno l’edizione di quest’anno e annunceranno la nascita di un prestigioso premio, il Premio Bava, che verrà assegnato a partire dalla prossima edizione al miglior regista esordiente. Il Premio, promosso dal Fantafestival e dal Teatro Ariston di Sanremo di Walter Vacchino è stato già annunciato a Sanremo lo scorso 31 maggio in occasione del 50° anniversario del Teatro Ariston.
A seguire, alle ore 21, verrà proiettato L’Esorcista, il capolavoro di William Friedkin che ha segnato la storia dell’horror e che il 19 giugno, solo per un giorno, tornerà nelle sale italiane (elenco su www.nexodigital.it) a quarant’anni dall’uscita del 1973.
La trama dell’Esorcista, tratta dal best seller di Peter Blatty, è nota: in un sito archeologico in Iraq viene dissotterrata una statuetta che raffigura un volto demoniaco. Intanto Chris, una giovane attrice divorziata, si trova a Georgetown insieme alla figlia dodicenne Regan per le riprese di un film. Di lì a breve strani fenomeni cominciano a verificarsi: il letto di Regan prende a muoversi da solo e la bimba inizia a dare segni di squilibrio. Tutti gli specialisti dacui viene esaminata non riescono però ad aiutarla. Non rimane altra scelta: la bimba deve essere sottoposta a un esorcismo… Ma L’Esorcista ha anche un’altra trama. Più sottile, più inquietante, più recondita. Una trama che riguarda tutti coloro che lo hanno visto ma anche chi si rifiuta da sempre di farlo. E’ una storia questa che si sviluppa fuori dallo schermo dando vita alla cosiddetta “Maledizione dell’Esorcista”: un alone di mistero, terrore e leggende metropolitane aggrovigliate intorno a un film che ha segnato un’epoca ma anche la vita personale di moltissimi. Quando L’Esorcista uscì in Gran Bretagna, in alcune cittadine ne fu proibita la proiezione. In tutta risposta qualcuno pensò di organizzare gli “Exorcist Bus Trips”: autobus navetta che facevano da spola verso paesi limitrofi in cui il film veniva proiettato. Ma nonostante le proibizioni e i divieti, la Maledizione” si manifestò con numerosi eventi inquietanti: la morte di diverse persone che avevano in qualche modo a che fare col film, un misterioso incendio che distrusse il set, inspiegabili incidenti in alcune sale cinematografiche durante la proiezione, l’esaurimento nervoso della protagonista Linda Blair, i problemi alla schiena riportati sia da Linda che da Ellen Burstyn che interpretava Chris…
Suggestione? Coincidenze? Forzature?
Qualunque sia la verità, L’Esorcista ha saputo tenere incollate allo schermo intere generazioni dettando la storia del genere horror ma soprattutto insinuandosi in modo strisciante e indelebile negli animi degli spettatori. Perché, come ha scritto Edoardo Nesi nella prefazione del libro L’Esorcista di Peter Blatty (Fazi editore) “il protagonista è il Demonio. Satana. Il Diavolo. E per qualcuno è troppo. Conosco persone, grandi e piccine, che mi hanno detto di aver trovato divertente il film L'esorcista, di aver riso nelle scene più forti e di non aver provato nessuna paura, insomma: e questo racconta molto più di loro che del film, perché evidentemente preferiscono negare se stesse e la loro sensibilità pur di non accettare il nucleo innominabile che sta al centro della storia e che forse è davvero troppo terribile per essere riconosciuto e accettato, e cioè l'idea che il Maligno possa esistere, prima di tutto, e prendersi poi l'anima di un'innocente
“L’Esorcista” è distribuito in Italia (solo per un giorno, il 19 giugno) da Nexo Digital in collaborazione coi media partner MYmovies.it e Horror Channel.

Per info

tel. 06-8841246/06-8413721

info@fanta-festival.it

www.fanta-festival.it

Ufficio Stampa 33° Fantafestival

Mostra Internazionale dei Film di Fantascienza e del Fantastico

Cristina Borsatti

tel. +39.347.9340720

crisborsatti@gmail.com

fanta2013

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.