SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

lunedì 7 marzo 2011

Un Gelido Inverno - Sottocultura

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 18/02/2011
REGIA: Debra Granik
SCENEGGIATURA: Debra Granik, Anne Rosellini
ATTORI: Jennifer Lawrence, John Hawkes, Kevin Breznahan, Dale Dickey, Garret Dillahunt, Shelley Waggener, Lauren Sweetser, Ashlee Thompson, William White, Casey MacLaren, Isaiah Stone, Valerie Richards, Beth Domann, Tate Taylor, Cody Brown, Ronnie Hall, Sheryl Lee, Cinnamon Schultz, Brandon Gray
FOTOGRAFIA: Michael McDonough
MONTAGGIO: Affonso Gonçalves
MUSICHE: Dickon Hinchliffe
PRODUZIONE: Anonymous Content, Winter's Bone Productions
DISTRIBUZIONE: Bolero Film
PAESE: USA 2010
GENERE: Drammatico
DURATA: 100 Min
FORMATO: Colore 1.85 : 1 
 
Trama:

Ree Dolly ha diciassette anni, è cresciuta troppo in fretta ed è alla disperata ricerca di suo padre, Jessup, che ha ipotecato la casa per pagarsi la cauzione ed uscire di prigione. Ree accudisce i due fratellini e la madre malata: se suo padre non si presenta in tribunale resterà, oltre che senza soldi, senza casa. Monti Ozark, Missouri, profonda America del Mid-West, povertà e un padre che entra ed esce dalla galera. Malgrado il suo aspetto esile e delicato, sulle spalle di Ree grava il peso di essere l’unica persona "adulta" e responsabile nella sua famiglia e l’assoluta necessità di ritrovare suo padre, per non perdere la casa ed evitare l’adozione dei fratellini che accudisce come una madre amorevole. Ree inizia a cercare il padre all’interno di una comunità che, protetta dai boschi e dalle montagne, è quasi interamente coinvolta nella produzione di cocaina. Per salvare casa e famiglia affronta violenza e omertà, mostrando la propria determinazione e una incrollabile forza di volontà.


Commento:

Secondo lungometraggio per Debra Granik regista indipendente del cinema americano da tenere sottocchio per le prossime prove. Basato sull'omonimo romanzo di Daniel Woodrell “Winter's Bone” è un film che con costi di produzioni pari allo zero (se paragonato al budget delle pellicole a stelle e strisce) ha già regalato alla giovane regista un buonissimo parco di premi e nomination (4 agli Oscar). Recitato magistralmente è una pellicola che fa tremare freddo fin dalla scelta dei colori con una gamma di grigi veramente azzeccata. La crudezza di una società e di una sottocultura portata sullo schermo con un ottima visione di un America marginale e abbandonata a se stessa, in una terra desolata fredda con gente spesso divorata  dalla stessa fame che li muove. Leggi scritte di una società, di un circuito chiuso dove è impossibile entrare e uscire se non in una cassa da morto. Non ci sono storie consolatorie e un senso filosofico nella visione del male, redenzione non esiste praticamente per nessuno. Su questo sfondo si muove Ree (Jennifer Lawrence) alla ricerca di suo padre per aiutare la sua famiglia, tra rifiuti, minace e senso del dovere. Incantevolmente freddo e glaciale come il suo titolo. Consigliato


Pro. 
Fotografia.
Recitato magistralmente.

Contro.
Trama senza un vero intento se non nel suo messaggio.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.