SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

sabato 19 novembre 2011

Too Big To Fail – Troppo grandi per fallire

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: NO - In Onda su Sky dal 4/11/2011
REGIA: Curtis Hanson
SCENEGGIATURA: Peter Gould
ATTORI: William Hurt, Edward Asner, Billy Crudup, Paul Giamatti, James Woods, John Heard, Amy Carlson, Topher Grace

FOTOGRAFIA: Kramer Morgenthau
MONTAGGIO: Plummy Tucker, Barbara Tulliver
MUSICHE: Marcelo Zarvos
PRODUZIONE: HBO Films, Home Box Office (HBO), Spring Creek Productions
PAESE: USA 2011
GENERE: Drammatico
DURATA: 110 Min
FORMATO: Colore 



Fuori concorso al Festival di Roma 2011



Trama: 

Una sconcertante cronaca della crisi finanziaria del 2008 e del fallimento del colosso Lehman Brothers. Henry "Hank" Paulson è il segretario del Tesoro ed ex Presidente e Amministratore Delegato di Goldman Sachs. Attorno a lui si muovono i magnati che governano l'economia del pianeta: il Presidente della Federal Reserve; il Presidente della New York Federal Reserve Bank; il Presidente e Amministratore Delegato di JP Morgan Chase; l'Amministratore Delegato della Lehman Brothers. Il film attraversa le intricate vite di questi potenti broker, alle prese con l'avvio del più grave crack finanziario dal 1929.



Commento:

Un avvincente dietro la quinte che ripercorre le drammatiche settimane, con tutti i retroscena della crisi finanziaria del 2008, a partire dal fallimento del colosso Lehman Brothers. Il regista Curtis Hanson, premio Oscar con LA  Confidental, punta a fornire uno occhio attento alla grande depressione del terzo millennio. La pellicola si avvale di un cast straordinario che parte da William Hurt e Bill  Pullman per proseguire con Paul Giamatti, James Woods e Cynthia Nixon tutti più o meno ben calati nella parte. Basato sull’omonimo libro di Andwen Ross Sorkin, reporter del New York Times che con un’incredibile serie di scoop svelò i retroscena della crisi. 


Un autentico bestseller pubblicato anche in Italia da De Agostini (2010), riporta fedelmente l’intreccio politico-finanziario che caratterizzano i giorni della colossale crisi finanziaria, una sconcertante cronaca degli avvenimenti con gli incontri e le manovre elaborate tra i corridoi della politica. Viene forse a mancare il dramma umano e morale che per mancanza di tempo non viene affrontato con la dovuta complessità. Un peccato perché il destino economico in mano a pochi uomini poteva offrire un interessante spunto narrativo. La pellicola da par suo offre un ritmo incalzante, senza pausa e anche per questo purtroppo affronta gli argomenti con un piglio forse un po’ toppo didascalico, usando i fondamentali dell’economia in maniera poco chiara per i meno esperti del settore. Un difetto non marginale per gli spettatori più sofferenti del genere documentaristico che in questo caso lascia poco spazio alla sceneggiatura da classico lungometraggio. 

 


Pro.
Praticamente è un documentario con cast stellare.
Storia moderna da non lasciarsi sfuggire.
 
Contro.
Clima didascalico non adatto a tutti.
Fondamentali dell’economia di non facile comprensione.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.