SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

giovedì 2 agosto 2012

Paris Express – Nel segno dei blockbuster transalpini alla Luc Besson.

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: No
GENERE: Commedia, Azione
REGIA: Hervé Renoh
SCENEGGIATURA: Hervé Renoh, Romain Lévy
ATTORI: Michaël Youn, Géraldine Nakache, Didier Flamand, Jimmy Jean-Louis, Catalina Denis, Natalia Dontcheva, Jo Prestia, Jean Marie Lamour, Gianni Giardinelli, Lord Kossity, Frédéric Chau, Fatsah Bouyahmed
FOTOGRAFIA Vincent Muller
MONTAGGIO: Hervé Renoh
MUSICHE: Modern Freaks
PRODUZIONE: Europa Corp., Canal+,M6
DISTRIBUZIONE: 01
PAESE: Francia 2010
DURATA: 90  Min
FORMATO: Colore




Trama:

Sam lavora come corriere a Parigi. Ad alta velocità sul suo scooter, infrange tutte le regole della strada per svolgere al meglio il suo lavoro. Eppure, nonostante il suo impegno e i suoi sforzi, non riesce mai a soddisfare il  datore di lavoro. Costretto ad effettuare una consegna urgente e molto pericolosa nello stesso giorno in cui la sua fidanzata lo aspetta al matrimonio della sorella, si ritroverà invischiato in un compito più difficile del previsto.



Commento:

Ispirato a pellicole come la serie “Taxxi”, prodotta la Luc Besson è una pellicola con corse frenate tra le vie di Parigi inflazionate da una serie di gag basate sugli equivoci più o meno riuscite.  Classica avventura dove il protagonista sbadato e sottomesso in una situazione d’emergenza si trasforma in tenace e fortunato “Eroe”.  Senza strafare il film intrattiene sufficientemente fino al suo epilogo, dislocandosi tra picchi narrativi  di medio livello e una sceneggiatura debole e prevedibilissima. Simpatici gli attori, qualche bella attrice transalpina. Un filmetto che regge tranquillamente la visione ma non va oltre.



Pro. 
Ritmo elevato.
 

Contro. 
Sceneggiatura debole e prevedibile.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.