SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

domenica 5 settembre 2010

Bodyguards And Assassins - Il patriottismo cinese

Giudizio Film 
Titolo originale: Shi yue wei cheng
Nazione: Cina, Hong Kong
Anno: 2009
Genere: Action | Drama | History
Durata: 132'
Regia: Teddy Chan
Cast: Donnie Yen, Leon Lai, Nicholas Tse, Jun Hu, Tony Leung Ka Fai.

















Trama:

Le vicende che gravitano intorno alla visita di Sun Yat Sen a Hong Kong, nel 1906, organizzata perché il padre della repubblica cinese abbia l’occasione di discutere in gran segreto con i rappresentanti delle province cinesi i piani per la rivoluzione che porterà all'abbattimento della dinastia Qing, e con essa della Cina imperiale. Lo scontro che regge la trama del film, indicato pure nel titolo, è quello tra un variegato gruppo di persone incaricate di scortare e proteggere Sun nel tragitto dal porto di Victoria alla sede dell’incontro clandestino e gli assassini mandati dall’imperatrice con il rpeciso scopo di eliminare Sun, nemico principale della corte Qing. Nessun vicolo, nessuna svolta nel percorso di qualche centinaio di metri sarà al sicuro…


Commento (del 5 settembre 2010):

Un richiamo al patriottismo cinese, per l'ultima fatica alla regia di Teddy Chan (Spia per caso). Narra un incontro segreto con i membri della Tongmenghui, l’Alleanza Rivoluzionaria. Il film è ben studiato prima parte trama e organizzazione del piano, seconda parte lotta e inseguimento. Ogni rivoluzione si scrive con il sangue qui ne scorre parecchio.


Pro.
Dedica molto tempo alla costruzione dei personaggi e degli eventi.
Ottime scene d'azione anche se spesso fine a se stesse.

Contro.
Sceneggiatura frammentata e spesso piatta.
Retorica

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.