SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

mercoledì 1 settembre 2010

Shrek e vissero felici e contenti - Un Orco Alla Quarta

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 25/08/2010
REGIA: Mike Mitchell
SCENEGGIATURA: Josh Klausner, Darren Lemke
FOTOGRAFIA: Yong Duk Jhun

MUSICHE: Harry Gregson-Williams
PRODUZIONE: DreamWorks Animation, Pacific Data Images
DISTRIBUZIONE: Universal Pictures
PAESE: USA 2010
GENERE: Animazione, Commedia, Fantasy, Avventura
DURATA: 93 Min
FORMATO: Colore 3D - 2.35 : 1





Trama: 

Dopo aver sfidato un terribile drago, salvato una bella principessa e preso le redini del regno dei suoceri, cosa può fare d'altro un orco? Beh, se siete Shrek, diventerete un ottimo uomo di casa. Invece di spaventare gli abitanti del villaggio come una volta, Shrek si trova ad autografare forconi. Cosa è successo al ruggito di quest'orco? Colmo di nostalgia verso i giorni in cui si sentiva un "vero orco", Shrek stringe un patto con il nano Tremotino. Così Shrek finisce per ritrovarsi in una folle versione alternativa di Molto Molto Lontano, dove gli orchi vengono cacciati, Tremotino è re e Shrek e Fiona non si sono mai incontrati...



Commento:

Delusione almeno a metà. Tutto è diventato così infantile e non è rimasto quasi più nulla della sua lettura da fiaba per adulti, che come tale massacrava le vecchie storie prima della buonanotte. Le scene divertenti non mancano e finalmente vediamo il famoso Tremotino e l'uomo focaccina (quello che vive nella farina^^) comunque è troppo poco per un 4 capitolo. Meglio del 3 ma poco incisivo. Pollice in diagonale per lui!


Pro.
Tremotino e l'Uomo Focaccina 
Il Gatto con gli stivali Grasso.


Contro.
Una formula arrivata al capolinea.
Capitolo finale poco incisivo.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.