SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

lunedì 5 marzo 2012

Tyrannosaur – Debutto mastodontico e rapace come il predatore del Cretaceo

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: Prossimamente
GENERE: Drammatico
REGIA: Paddy Considine
SCENEGGIATURA: Paddy Considine
ATTORI: Peter Mullan, Olivia Colman, Paul Popplewell, Ned Dennehy, Sian Breckin.

FOTOGRAFIA: Erik Wilson
MONTAGGIO: Pia Di Ciaula
PRODUZIONE: Warp X, Inflammable Films
PAESE: Gran Bretagna 2011
DURATA: 91 Min
FORMATO: Colore 2.35 : 1 



Presentato al Festival di Roma 2011 nella sezione Occhio sul Mondo | Focus




Trama:

Joseph è un vedovo, disoccupato e alcolista, tormentato e autodistruttivo. L'incontro inaspettato con Hannah, offre a Joseph una possibilità di redenzione. Tra i due nasce un legame di amicizia, un legame che aiuterà entrambi.


Commento:

Peter Mullan (Joseph) interpreta uno di quei personaggi che il pubblico appassionato di personalità dure e sincere non può non amare. Un uomo grintoso, stanco, alcolizzato, straziato, autodistruttivo e disoccupato. Non scende a compromessi Joseph tra le strade di Leeds, tra risse nei pub, vetri rotti e teste spaccate.  Olivia Colman è Hannah una donna visivamente solare e gentile che nasconde un brutale segreto. Subisce da anni angherie e soprusi da parte di un marito violento, incatenata in un matrimonio disgraziato trova conforto solo nella preghiera. 


L’intensità della pellicola si sviluppa nell' incontro tra queste due entità sofferenti agli antipodi caratterialmente e socialmente tra loro. Il debutto cinematografico alla regia dell’attore Paddy Considine (Dead man’s Shoes) è una travolgente bastonata sulle gengive per lo spettatore. Amori infelici si incontrano in una storia conflittuale di sopravvivenza disperata. Joseph e Hannah sono inevitabilmente il rovescio della stessa medaglia, tra di loro nasce un forte legame che aiuterà entrambi a conquistare consapevolezza in loro stessi. In un modo del tutto poco convenzionale siamo di fronte ad un film romantico.  


Per i più sensibili aggiungo subito che la storia si apre con l’improvvisa morte del cane di Joseph a carico dello stesso che in un momento di ira profonda colpisce a morte il mal capitato con un calcio. Si pente quasi subito del suo folle gesto e nei giorni successivi scaglia la sua rabbia verso altri malcapitati. Consadine non scende a patti in questa sua prima regia del quale è anche autore della buonissima sceneggiatura. La pellicola alterna scene forti con altrettante sequenze da humour nero e parolacce che tanto piace al cinema anglosassone. Questa è una storia di redenzione, nessuna ha detto che sarà facile.  Come è giusto che sia è piena di ricadute e punti oscuri. 


Il clima tenebroso della stessa viene generato fin dalla matrice grazie alla fotografia di Erik Wilson che esteticamente ricalca la cupezza della trama. Il giovane regista inglese descrive i sobborghi di Leeds con uno stile che non può non far pensare al cinema di Loach, di Sheridan e soprattutto al suo “credo mentore” Shane Meadows del quale in qualche modo è debitore. E’ vivo il degrado del quartiere di Joshep, tra urla, ragazzi violenti, vandalismo e cani rabbiosi per le strade. Così come è simbolicamente solare e silenziosa la zona di Hannah. Una regia attenta e realistica premiata al Sundance Festival 2011 con il premio alla stessa. 


Un opera prima vincente che contrariamente da quanto si potrebbe ipotizzare dal contesto non è priva di positività.  Toccante e intenso ci regala oltre ad un regista da tenere d’occhio per il prossimo futuro anche due splendide interpretazioni:  il sempre perfetto Peter Mullan e la sorprendete Olivia Colman, da brividi la sua interpretazione che punta al finale del film. Premiate entrambe al trionfale Sundance 2011.  Piccola segnalazione anche per la colonna sonora perfetta e mai invadente.  Rabbioso, cattivo,  reale è un film che non sarà facile dimenticare. 


Pro. 
Opera prima sfavillante.
Duro, cattivo, pessimista ma positivo.
Interpretazioni Convincenti.
Personaggio indimenticabile.
 
Contro. 
Troppo violento per i più sensibili.



 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.