SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

sabato 11 settembre 2010

Resident Evil - Afterlife: Anche gli Zombie vogliono il 3D

Giudizio Film 

FOTOGRAFIA: Glen MacPherson
MONTAGGIO: Niven Howie
MUSICHE: tomandandy
PRODUZIONE: Constantin Film Produktion, Impact Pictures
DISTRIBUZIONE: Sony Pictures Releasing Italia
PAESE: Germania, Gran Bretagna, USA 2010
GENERE: Azione, Horror, Thriller
DURATA: 90 Min
FORMATO: Colore 3D - 2.35 : 1


Trama:

Resident Evil: Afterlife è il quarto capitolo, in 3D, della famosa saga Resident Evil, basata sulla popolare serie di videogiochi. In un mondo distrutto da un virus letale che trasforma le sue vittime in zombie, Alice (Milla Jovovich), continua il suo viaggio alla ricerca di sopravvissuti da trarre in salvo. La battaglia contro la Umbrella Corporation si fa sempre più strenua ma, inaspettatamente, Alice verrà aiutata da un vecchio amico che, promettendo ai fuggitivi un rifugio sicuro, li conduce a Los Angeles. Al loro arrivo, Alice e i suoi compagni di viaggio trovano la città completamente invasa dagli zombie e rischiano di cadere in una trappola mortale.


Commento:

Sollazzo completo sollazzo. Il ritorno di Paul W.S. Anderson alla regia (primo capitolo) si vede già dalla prima scena: I non morti di Capcom tornano finalmente nella loro terra di origine ed è tutto un bel vedere di colpi ed esplosioni. Un vero e proprio B-Movie che profuma di sangue e pallottole. Il 3D è usato finalmente in modo adeguato e dalla prima scena si capisce che ci sarà dà godere! !! Una pellicola da vedere in 3d al cinema, vale il prezzo del biglietto. Non un capolavo ma migliore dopo il primo capitolo.


Pro.
3D usato in modo adeguato.
Il migliore dopo il 1 capitolo.
Contro.
Sceneggiatura da B-movie.
Pieno di falle narrative.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.