SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

domenica 19 dicembre 2010

L'esplosivo piano di Bazil - Il Ritorno

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 17/12/2010
REGIA: Jean-Pierre Jeunet
SCENEGGIATURA: Jean-Pierre Jeunet, Guillaume Laurant
ATTORI: Dany Boon, André Dussollier, Nicolas Marié, Jean-Pierre Marielle, Julie Ferrier, Yolande Moreau, Omar Sy, Dominique Pinon, Urbain Cancelier, Patrick Paroux, Jean-Pierre Becker, Stephane Butet, Philippe Girard, Eric Naggar, Tony Gaultier, Stephanie Gesnel, Marie-Julie Baup, Doudou Masta
FOTOGRAFIA: Tetsuo Nagata
MONTAGGIO: Hervé Schneid
PRODUZIONE: Epithète Films, Tapioca Films, Warner Bros. France
DISTRIBUZIONE: Eagle Pictures
PAESE: Francia 2009
GENERE: Commedia
DURATA: 104 Min
FORMATO: Colore 
Sito Italiano
 
 Trama:
 
Una mina che esplode nel cuore del deserto marocchino e, qualche anno più tardi, una pallottola vagante che lo colpisce alla testa conficcandosi nel cervello...Bazil non ha molta fortuna con le armi. La prima lo ha reso orfano, la seconda rischia di farlo morire di colpo in ogni istante. Uscito dall'ospedale Bazil si ritrova per strada. Per puro caso, questo dolce sognatore, viene raccolto da una banda di straccivendoli. Un giorno passando davanti a un imponente edificio, Bazil riconosce il simbolo dei due fabbricanti d'armi che sono all'origine delle sue disgrazie. Aiutato dalla sua banda, decide di vendicarsi.
 
 
Commento:
 
Dopo un assenza durata 5 anni Jean-Pierre Jeunet torna al cinema con una commedia surreale e brillante. Il regista di Amelie si dimostra ancora una volta un gradissimo creatore di storie, confezionando un orologio: bizzaro, divertente e pieno di stile, il suo! Bel ritorno!



Pro. 
Ottima Fotografia. 


Contro.
Cast di scarso interesse per il pubblico. 





Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.