SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

lunedì 25 luglio 2011

Giustizia privata - Giustizia ad ogni costo

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 25/08/2010
REGIA: F. Gary Gray
SCENEGGIATURA: Kurt Wimmer
ATTORI: Gerard Butler, Jamie Foxx, Leslie Bibb, Colm Meaney, Bruce McGill, Viola Davis, Regina Hall, Michael Kelly (II), Josh Stewart, Gregory Itzin, Christian Stolte, Michael Irby, Richard Portnow
 FOTOGRAFIA: Jonathan Sela
MONTAGGIO: Tariq Anwar
MUSICHE: Brian Tyler
PRODUZIONE: The Film Department
DISTRIBUZIONE: Moviemax
PAESE: USA 2009
GENERE: Drammatico, Poliziesco, Thriller
DURATA: 109 Min
FORMATO: Colore 2.35 : 1
Trama:

Clyde Shelton (Gerard Butler) è un ingegnere meccanico della CIA che ha deciso di abbandonare il suo lavoro per dedicarsi alla famiglia. Una sera due malviventi lo aggrediscono uccidendo davanti ai suoi occhi la moglie e la figlia. Nonostante Clyde li abbia visti, riconosciuti e denunciati, il processo non avrà mai luogo perché il Pubblico Ministero Nick Rice (il premio Oscar Jamie Foxx) patteggia una pena più leggera pur di vincere la causa. Tradito dal sistema giudiziario nel quale credeva, Clyde decide di vendicarsi di chiunque abbia partecipato a quell'accordo.


Commento (del 18 Agosto 2010):

Ottima idea investire 8 euro questa sera. L'ultima fatica di F.Gary Gray (the Italian job) intrattiene per bene nei suoi 108 minuti di durata. Non è sicuramente un film perfetto ma è ben girato e recitato da un ottimo cast, la sceneggiatura presenta qualche buco. Regia molto patinata, merita la visione.

Pro.
Ottimo Cast.
I colpi di scena funzionano.

Contro.
Finale buonista.
Buchi di sceneggiatura evidenti.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.