SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

martedì 26 luglio 2011

This is Beat – Sfida di ballo - Balla e Riballa

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 01/07/2011
REGIA: Robert Adetuyi
SCENEGGIATURA: Robert Adetuyi
ATTORI: Tyrone Brown, Mishael Morgan, Ray Johnson, Nikki Grant, Chase Armitage, Kristy Flores, Shane Pollard

FOTOGRAFIA: Hubert Taczanowski
MONTAGGIO: Mike Lee, Ronald Sanders
MUSICHE: Andrew Lockington
PRODUZIONE: Telefilm Canada - Equity Investment Program, Harold Greenberg Fund, The, Inner City Films
DISTRIBUZIONE: M2 Pictures
PAESE: Canada 2011
GENERE: Dance movie
DURATA: 91 Min
FORMATO: Colore 



Trama: 

Tre crew di ballerini di strada, provenienti da diversi Paesi, si contenderanno il titolo di Campioni del Mondo alla BEAT THE WORLD competition di Detroit. Ma la strada che li condurrà a scontrarsi nella famosa gara internazionale sarà per tutti lunga, faticosa e piena di difficoltà. Nel duello finale per diventare campioni scopriranno che speranze, sogni e anche le loro stesse vite sono in gioco!

 
Stephanie Nguyen

Commento:

Diciamoci la verità non sono un grande fan dei Musical né tanto meno dei film di ballo in generale. Sono andato al cinema solo perché offerto dalla 3. Una trama prevedibilissima fa da sfondo ad uno spettacolo travolgente per quanto riguarda musica e coreografie. Sono rimasto completamente rapito dalla stile di Stephanie Nguyen che non conoscevo visto che non seguo per nulla il movimento dance in generale. Alla fine questo genere di film mira ad un target ben definito dove la sceneggiatura è un povero pretesto per mettere in atto il resto.

Pro.
Coreografie
Musiche

Contro.
Sceneggiatura ridotta al minimo
Mancano gli attori



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.