SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

venerdì 25 novembre 2011

I soliti Idioti – Dai C477O!

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 04/11/2011
REGIA: Enrico Lando
SCENEGGIATURA: Fabrizio Biggio, Francesco Mandelli, Martino Ferro
ATTORI: Francesco Mandelli, Fabrizio Biggio, Madalina Ghenea, Valeria Bilello, Giordano De Plano, Marco Foschi, Gian Marco Tognazzi

FOTOGRAFIA: Massimo Schiavon
MONTAGGIO: Giovanni Gritti, Pietro Morana
MUSICHE: Fabrizio Biggio, Francesco Mandelli, Martino Ferro, Gaetano Cappa, Dino Lenny
PRODUZIONE: Toadue Film in collaborazione con Medusa Film, Sky Cinema, Mediaset Premium, MTV
DISTRIBUZIONE: Medusa film
PAESE: Italia 2011
GENERE: Comico, Commedia
DURATA: 98 Min
FORMATO: Colore 

Sito Ufficiale

Trama: 

Dopo il successo ottenuto con le tre serie della sketch comedy televisiva e il tour teatrale, il duo Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli approda sul grande schermo con la versione cinematografica de I soliti idioti. Nel film, Ruggero, padre autoritario, volgare e disonesto, trascina Gianluca, ragazzo dall'animo sensibile, amante dell'arte e della tecnologia, in situazioni rocambolesche per far assaporare al figlio la "vita vera" e farlo crescere a modo suo. Il viaggio sarà accompagnato da alcune tra le coppie di personaggi più amate della serie, che intrecceranno il loro percorso con quello dei due protagonisti.




Commento:


Il primo capitolo cinematografico di quella che negli intenti della produzione vorrebbe essere una trilogia dei Soliti Idioti diverte ma non convince. Vittime dei tempi televisivi, gli unici personaggi che si adatto al grande schermo e ai suoi tempi sono i riuscitissimi Ruggero e Gianluca De Ceglie. Il resto dei personaggi mal si adatta alla produzione cinematografica, soprattutto per quanto riguarda gli intermezzi canori, che salvo rari passaggi dimostrano scarsa originalità e inventiva. Simpatica l’idea di riproporre in contesti diversi situazioni già presentati nella serie tv, un ottimo modo per presentare la serie al grande pubblico, scopo principale di questa uscita al cinema. 




Resta comunque il ritratto volgare, divertente ma allo stesso modo spietato  della nostra generazione.  Forse in pochi noteranno,  coinvolti e stravolti dalle repentine macchiette dei vari personaggi in cui un “Dai cazzo”  nasconde più di una risata, la presenza di  un sottotesto di denuncia politicamente scorretta come la nostra società attuale.  Non mancheranno naturalmente le risate, purtroppo però troppo spesso incluse in una trama inutile farcita di sketch tv  come già detto poco adatti al cinema e sempre poco convincenti, lunghe porzioni di lungometraggio cardano in eccessivi momenti di ripetitività che stancano lo spettatore. Un’operazione commerciale di successo purtroppo senza cuore e senza vera inventiva.




Pro.
Ruggero e Gianluca De Ceglie per 90 minuti.
Dai cazzo!


Contro.

Sketch tv spesso poco appropriati al grande schermo. 
Il resto dei personaggi inutili.

Trama piatta e povera di vera inventiva.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.