SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

martedì 27 marzo 2012

Posti in Piedi in Paradiso – In cerca di se stesso

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 02/03/2012
GENERE: Commedia
REGIA: Carlo Verdone
SCENEGGIATURA: Carlo Verdone, Pasquale Plastino, Maruska Albertazzi
ATTORI: Carlo Verdone, Micaela Ramazzotti, Pierfrancesco Favino, Marco Giallini, Diane Fleri, Nicoletta Romanoff, Nadir Caselli, Valentina D'Agostino, Maria Luisa De Crescenzo, Giulia Greco, Gabriella Germani, Roberta Mengozzi.

FOTOGRAFIA: Danilo Desideri
MONTAGGIO: Antonio Siciliano
MUSICHE: Gaetano Curreri, Fabio Liberatori
PRODUZIONE: Aurelio De Laurentiis & Luigi De Laurentiis
DISTRIBUZIONE: Filmauro
PAESE: Italia 2012
DURATA: 119 Min
FORMATO: Colore 

Sito Ufficiale


Trama: 

Ulisse, un ex discografico di successo, vive nel retro del suo negozio di vinili e arrotonda le scarse entrate vendendo "memorabilia" su e-bay. Ha una figlia, Agnese, che vive a Parigi con la madre Claire, un'ex cantante. Fulvio, ex critico cinematografico, scrive di gossip e vive presso un convitto di religiose. Anche lui ha una bambina, di tre anni, che non vede quasi mai a causa del pessimo rapporto con l'ex moglie Lorenza. Domenico, in passato ricco imprenditore, è oggi un agente immobiliare che dorme sulla barca di un amico e, per mantenere ben due famiglie, fa il gigolo con le signore di una certa età. Ha un rapporto conflittuale con i due figli più grandi ed è perennemente in ritardo con gli alimenti da versare alla sua ex moglie e all'ex amante Marisa, da cui ha avuto un'altra figlia. Dopo un incontro casuale, durante la ricerca di una casa in affitto, Domenico realizza di avere incontrato due poveracci come lui e propone ad Ulisse e Fulvio di andare a vivere insieme per dividere le spese di un appartamento. Inizia così la loro convivenza e la loro amicizia.


Commento:

Gli innumerevoli giudizi positivi di questo ultimo lavoro del grande Carlo Verdone, lasciavano presagire ad un pensiero di rinascita artistica dopo le ultime prove non orripilanti ma quantomeno incolori. Purtroppo, almeno per quanto riguarda il sottoscritto, la rinascita è rimandata al prossimo film. Le doti artistiche del trio  Verdone-Giallini-Favino non sono sicuramente in discussione così come la bellezza della Micaela Ramazzotti o la regia comunque attenta del prode Carlo. La sceneggiatura è sconclusionata, tanti, troppi gli argomenti trattati e i cambi di direzione: crisi economica, divorzi, amicizia, amori, figli e fallimenti. Un insieme di strade unite da un solo monologo finale di Favino inerente al titolo del film. Si respira quella malinconia e depressione neanche troppo velata tipica del cinema Verdoniano che fallisce miseramente il ritmo e tempi della risata. L’ironia  spesso è un fattore personale eppure in sala abbiamo riso tutti realmente poco e le battute migliori risultano quelle passate nel trailer promozionale. Buono per una serata senza grossi pensieri al primo passaggio televisivo.


Pro.
Il cast.
Comunque un Verdone.
 

Contro.
Troppi argomenti, cambi di direzione nessuna vera intuizione.
Le migliori gag sono nel trailer.



 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.