SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

venerdì 9 novembre 2012

Argo – La più grande menzogna di Hollywood

Giudizio Film 

Argo – La più grande menzogna di Hollywood

USCITA CINEMA: 08/11/2012
GENERE: Commedia, Drammatico
REGIA: Ben Affleck
SCENEGGIATURA: Chris Terrio
ATTORI:
Ben Affleck, John Goodman, Alan Arkin, Bryan Cranston, Kyle Chandler, Rory Cochrane, Kerry Bishe, Christopher Denham, Tate Donovan, Clea DuVall, Victor Garber, Zeljko Ivanek, Richard Kind, Scoot McNairy
FOTOGRAFIA: Rodrigo Prieto
MONTAGGIO: William Goldenberg
MUSICHE: Alexandre Desplat
PRODUZIONE: Smoke House, Warner Bros. Pictures
DISTRIBUZIONE: Warner Bros. Italia
PAESE: USA 2012
DURATA: 120 Min
FORMATO: Colore
Sito Italiano
Sito Ufficiale

Tratto dal libro-inchiesta di Joshuah Bearman

 

 

Trama:

Il 4 novembre 1979, mentre la rivoluzione iraniana raggiungeva l'apice, un gruppo di militanti entra nell'Ambasciata USA in Tehran e porta via 52 ostaggi. In mezzo al caos, sei americani riescono a fuggire e si rifugiano a casa dell'Ambasciatore del Canada. Ben sapendo che si tratta solo di questione di tempo prima che i sei vangano rintracciati e molto probabilmente uccisi, Tony Mendez, un agente della CIA specialista in azioni d'infiltrazione, mette in piedi un piano rischioso per farli scappare dal paese. Un piano così inverosimile che potrebbe accadere solo nei film.

argo

Commento:

Il regista Ben Affleck mi piace, con solo due lungometraggi all’attivo ha completamente conquistato la mia fiducia. Era talmente tanta la voglia di vedere questa sua nuova fatica che gli ho preferito l’anteprima stampa de “ Il Canone del Male” di T. Miike, ma recuperò in questi giorni. Torniamo in tema. Basta l’introduzione a vignette con la voce narrante per capire che ora il ragazzo è pronto all’Oscar. Il film è tratto da una storia vera, e ambientato durante la rivoluzione iraniana del 1979 con la conseguente crisi degli ostaggi USA. Trama semplice, è proprio questa genuinità che conquista, impossibile annoiarsi, il tempo è dilatato alla perfezione per aumentare l’ansia continua nello spettatore. Riusciranno a salvarsi?

argo 1

La CIA e l’ambasciata canadese, con l’aiuto di Hollywood, escogitarono un curioso Cavallo di Troia: un film per bucare le linee nemiche e passare il confine in modo inosservato. Così nasce il progetto Argo, un finto film di fantascienza. La prima parte ruota tutta in torno alla creazione dell'originale orologio (truffa) internazionale.La pellicola in questo frangente dimostra di saper divertire grazie anche alla presenza di due grandissimi attori come Alan Arkin e John Goodman. La regia è di chiara ispirazione anni 70, un thriller dilatato che cattura anche se si conosce il reale destino degli ostaggi. Il suo occhio dietro la macchina da presa è attento, sicuro, tra i migliori registi affermati della nuova generazione. Un climax costruito ad arte, porta lo spettatore a mangiarsi le unghie dalla tensione.

argo 2

E’ un film d’azione senza azione costruito magnificamente sull’ansia che sale minuto dopo minuto che inchioda lo spettatore alla poltrona. Una storia avvincente ed emozionante, scritta in modo impeccabile. Lo sviluppo della narrazione cresce di pari passo con quello del protagonista. Una grande combinazione di Spy-thriller interpretata da un cast eccezionale e con una colonna sonora perfetta. Non ci sono punti deboli eclatanti se non nell'insolito ritratto di una superpotenza come l’America assediata e in ginocchio e volendo trovare il pelo nell’uovo l’interpretazione dello stesso regista che pur senza sfigurare non è certo da premio Oscar. Affleck ama raccontare storie, ama cavalcare sulle orme del Cavaliere Pallido, speriamo non smarrisca la strada.

Argo

Pro.

  • Una lezione di Cinema di genere. Da non perdere.
  • Inchioda alla poltrona.

Contro.

  • Corri al cinema.
  • Sei ancora qui??

 

 

Argo 4

argo_ver7_xxlg

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.