SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

giovedì 4 aprile 2013

In Treatment (USA Version) - Un colpo al cuore - a cura di BettyBoy

Giudizio Film 

In Treatment-un colpo al cuore

Dopo il buon esordio di critica e pubblico della versione italiana in onda su Sky Uno dal 1 Aprile 2013, scopriamo insieme l’ottima versione originale a stelle e strisce.

La serie è incentrata sullo psicoterapeuta Paul Weston, interpretato da Gabriel Byrne, e le sue settimanali sedute con i suoi pazienti. Lo show si ispira liberamente alla serie israeliana BeTipul, creata dal regista Hagai Levi, che figura tra i produttori esecutivi della serie assieme all'attore Mark Wahlberg. La serie è stata trasmessa in prima visione negli Stati Uniti da HBO dal 28 gennaio 2008 al 7 dicembre 2010. In Italia la serie ha debuttato il 21 settembre 2008 e le prime due stagioni sono state trasmesse da Cult. Il 30 marzo 2011 HBO ha annunciato la cancellazione della serie, ma ha lasciato aperta la possibilità che questa continui in un formato diverso da quello abituale. (Fonte)

In Treatment-un colpo al cuore

Commento (di BettyBoy):

In treatment è, a mio avviso e senza mezzi termini, una serie tv bellissima. Fra le migliori che si siano mai viste. La sfida di questa produzione non era così scontata, tenere alta l'attenzione dello spettatore per una puntata intera basandosi esclusivamente sul dialogo fra due personaggi non è cosa da poco. La serie tv infatti descrive le sedute terapeutiche di uno psicologo e di alcuni suoi pazienti. La mia esperienza si basa essenzialmente sulla visione della produzione americana HBO perché in verità l'originale è israeliano "Betipul" il quale ha avuto adattamenti in Serbia, Romania, Paesi Bassi, Usa ed ora anche in Italia. Questa serie ha goduto di moltissima fortuna sia nella patria nativa che fuori e tale fortuna è completamente meritata, la qualità della scrittura è altissima anche se in alcuni casi si ricorre a stratagemmi classici quali la tensione erotica mai consumata come nel celeberrimo PILOT, notissimo anche a coloro che non hanno mai effettivamente visto la serie.

In Treatment-un colpo al cuore

Tuttavia ogni personaggio è cesellato con cura ed amore scendendo in profondità nelle miserie e nelle contraddizioni che ci caratterizzano tutti in un crescendo irresistibile. Una vera droga. La scelta del cast è azzeccatissima a dir poco, a partire dal terapista Paul (Gabriel Byrne) che è talmente caldo ed rassicurante che convincerebbe anche il Dalai Lama ad entrare in terapia. Detto ciò la carrellata degli attori celeberrimi che partecipano alla seria è molto lunga Mia Wasikowska, Joshua Aaron Charle, Irrfan Khan, Debra Winger, Dane Dehaan solo per citarne alcuni.

In Treatment-un colpo al cuore

Pur nel breve lasso di tempo di 20 minuti a puntata la produzione americana si distingue anche per la scelta curatissima della colonna sonora, sopra a tutti "Raindrop" di Chopin. Una serie imperdibile.

In Treatment

Rimandiamo a presto ad un confronto con la versione italiana interpretata da Sergio Castellitto che è ora alle prime battute ma dentro il cuore speriamo che HBO, come annunciato, prosegua nella produzione americana anche se in veste diversa. Qualsiasi veste purché Paul non ci lasci orfani. (by BettyBoy)

in_treatment_antonello_montesi

Pro.

  • Scrittura strepitosa, interpretazioni meravigliose.
  • Bellissima prova di attore per Gabriel Byrne.

Contro.

  • Non adatto a chi non ama l'introspezione.

 

Creata da

Hagai Levi

Paese e Anno USA 2008-2010
Stagioni 3
Episodi 106
Durata 25 min (episodio)
Genere Drammatico
Cast Gabriel Byrne, Dianne Wiest, Michelle Forbes, Mia Wasikowska, Blair Underwood, Amy Ryan, Dane DeHaan, Melissa George.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.