SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

lunedì 25 luglio 2011

True Legend - Il Ritorno del Maestro

Giudizio Film 
Titolo originale: Su Qi-Er
Nazione: Cina
Anno: 2010
Genere: Action, Drama, History
Durata: 114'
Regia: Woo-ping Yuen
Cast:  Man Cheuk Chiu, Xun Zhou, Michelle Yeoh, Xiaogang Feng, Andy On, Luxia Jiang, Chia Hui Liu, Ka-Yan Leung, Will Liu, Jay Chou

Musiche: Shigeru Umebayashi
Montaggio: Wenders Li
Distribuito: EDKO Films Ltd

Lingua: Mandarino 










Trama:

Alla fine della dinastia Qing, l’eroe di guerra Su Can fa uno spettacolare attacco alle forze nemiche prima di ritirarsi a casa dalla sua vita militare e stare con la sua amata moglie e il figlio appena nato. Sei anni dopo, il vendicativo fratellastro Yuang ritorna irriconoscibile dalla guerra consumato dalle Arti Marziali Oscure e armato con i suoi Cinque Pugni Velenosi, colpisce e ferisce gravemente Su come vendetta per una lunga ed oscura storia di famiglia. Su e la moglie riescono a salvarsi a malapena, ma il loro figlio è ora prigioniero del sempre più psicopatico Yuang.


  
Commento (del 27 Agosto 2010):

Il ritorno al cinema di Woo-ping Yuen uno dei tanti mostri sacri del cinema di arti marziali cinese prima come attore e poi come regista. Tra i sui primi lavori dietro la macchina da presa Drunken Master con J. Chan. Buono il suo ritorno, anche se non ho apprezzato molto il legame tra la prima e la seconda parte del film, ho trovato tutto troppo forzato. Da segnala la partecipazione di David Carradine, con tanto di pellicola a lui dedicata. Splendide come sempre le coreografie marziali, la fotografia e le ambientazioni.


Pro.
Il ritorno di un Maestro del Cinema di Arti Marziali.
Cast farcito di Stelle Asiatiche.

Contro.
Storia Banale.
Legame tra la prima e seconda parte forzata.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.