SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

venerdì 19 agosto 2011

Super - Eroe fai da te

Giudizio Film 

USCITA CINEMA: Settembre 2011
REGIA: James Gunn
SCENEGGIATURA: James Gunn
ATTORI: Rainn Wilson, Liv Tyler, Ellen Page, Kevin Bacon, Gregg Henry, Michael Rooker, Andre Royo, Sean Gunn, Stephen Blackehart, Linda Cardellini, Nathan Fillion, Edrick Browne
FOTOGRAFIA: Steve Gainer
MONTAGGIO: Cara Silverman
MUSICHE: Tyler Bates
PRODUZIONE: This Is That Productions, Ambush Entertainment
DISTRIBUZIONE: M2 Pictures
PAESE: USA 2011
GENERE: Commedia
DURATA: 96 Min
FORMATO: Colore 
 
Trama:
 
Frank è un uomo normale, sposato con la travagliata Sarah, di cui è follemente innamorato. Ma quando lei decide di lasciarlo per Jacques, uno spacciatore dai modi suadenti, Frank si trasforma in una specie di supereroe, The Crimson Bolt: privo di superpoteri ma armato di una pesante chiave inglese. Con la sua nuova identità, Frank si mette sulle tracce di Jacques e ingaggia una personale lotta contro il crimine aiutato da Libby, una teenager sociopatica che lavora nel negozio di fumetti di quartiere che assume l'alter ego di Boltie.


Commento: 

Una commedia nera, una categoria di “Freak” in cerca di vendetta per la sua condizione, vede questo nuovo eroe homemade (fatto in casa) sulla falsa riga di Kick-Ass e Defendor, farsi giustizia da solo.  La prima cosa da fare è non paragonare questo titolo al più recente e riuscito Kick-Ass. Sebbene il film ne cavalchi l’onda, l’ultima fatica di James Gunn che torna alla regia dopo il poco apprezzato Slither, né prende giustamente le dovute distanze. Pur ricordando i fasti fumettistici del genere, con tante risate garantite, la pellicola mostra anche una spiccata vena malinconica, una triste umanità più marcata rispetto ai film citati. Questo anche grazie alla rappresentazione di una qualsiasi provincia sfigata americana.


Interpretazione perfetta di  Rainn Wilson in grado di passare in modo del tutto naturale dal comico al drammatico. Folli e geniali i suoi deliri di solitudine, personalmente ho amato la sua irritazione verso le ingiustizie. Buone anche le prove del resto del cast tra i quali, una sempre più convincente e bella Ellen Page e un Villain poco cattivo, ma altamente disgustoso in termini di moralità, Kevin Bacon. La sceneggiatura sempre ad opera di Gunn mostra spesso qualche lacuna e non è completamente riuscita, colpa soprattutto di qualche momento di stasi che può portare un po’ di noia. Ottimo il finale non propriamente happy end, che offre un azione con ferite più realistiche rispetto al resto della produzione di eroi fatti in casa. Da segnalare che il film è stato girato a basso costo e che gli attori sono stati pagati tutti con le quote minime consentite dalla Screen Actors Guild. Una pellicola che piazzo tranquillamente al secondo posto dopo il riuscitissimo Kick-Ass alla quale pur con le sue distanze è debitore.


Pro.
Rainn Wilson spettacolare.
Ottimo finale.

Contro.
Sceneggiatura non priva di difetti.









In alcune interviste il regista James Gunn ha dichiarato che aveva iniziato a lavorare sulla sceneggiatura del film nel 2002, ma che ebbe problemi a produrlo perché ritenuto troppo violento ed esoterico. Inoltre Gunn ebbe difficoltà a decidere l'attore giusto per interpretare Frank. John C. Reilly era la prima scelta del regista, ma non era considerato una star abbastanza importante per interpretare il film. Dopo aver diretto Slither il progetto fu accantonato fino a quando l'ex moglie del regista Jenna Fischer lo incoraggiò ad andare fino in fondo al progetto, consigliandogli come attore protagonista Rainn Wilson, co-protagonista nella serie televisiva The Office. Rainn Wilson a sua volta inviò un copione a Ellen Page, con la quale aveva lavorato nel film Juno, e l'attrice accetto subito la parte (Fonte)

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.