SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

lunedì 31 dicembre 2012

Mai Morire – “Percorsi di Vita”

Giudizio Film 

Mai Morire – “Percorsi di Vita”

GENERE: Drammatico
REGIA: Enrique Rivero (II)
SCENEGGIATURA: Enrique Rivero (II)
FOTOGRAFIA: Gerardo Barroso, Arnau Valls Colomer
PRODUZIONE: Celuloide Films, Una Comunión, Zamora Films
PAESE: Messico 2013
DURATA: 83 Min
FORMATO: Colore

In concorso al Festival di Roma 2012

Trama:

Chayo fa ritorno a Xochimilco, suo paese  natale, per prendersi cura dell'anziana madre e affrontarne la morte.

2. MAI MORIRE

Commento:

Prendersi cura della propria madre che va incontro alla morte. Questo è il cammino intrapreso da Chayo, donna forte e risoluta che torna al suo paese di origine per accudire sua madre e la sua famiglia. La donna si troverà costretta suo malgrado a fare delle scelte decisamente complicate per una donna e madre. La morte vista come una porzione logica della vita e non la fine di essa. Perché nessuno può sfuggire al proprio destino. Parabola di liberazione dai legami della famiglia, percorso interiore porterà la protagonista a scelte drastiche e drammaticamente difficili. Scritto e diretto come un documentario, l’idea è nata da esperienze realmente vissute dal regista, il film si avvale di partecipazioni di attori non protagonisti, di un ritmo lento come l’inesorabile attesa della morte e di una splendida fotografia. Un ritratto intimo e personale non di facile digeribilità ma capace di creare grandissima empatia con lo spettatore. Splendida rappresentazione di una cultura lontana dal tempo moderno.

3. MAI MORIRE

Pro.

  • Interpretazione toccante della protagonista.
  • Fotografia che cattura ogni cambio di luce.

Contro.

  • Struttura documentaristica.
  • Di non facile digeribilità.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.