SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

lunedì 25 luglio 2011

Salt - Angelina Salta Ancora

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 29/10/2010
REGIA: Phillip Noyce
SCENEGGIATURA: Brian Helgeland, Kurt Wimmer
ATTORI: Angelina Jolie, Liev Schreiber, Chiwetel Ejiofor, Andre Braugher, Yara Shahidi, Zoe Lister Jones, Gaius Charles


FOTOGRAFIA: Robert Elswit
MONTAGGIO: Stuart Baird, John Gilroy
MUSICHE: James Newton Howard
PRODUZIONE: Columbia Pictures, Di Bonaventura Pictures
DISTRIBUZIONE: Sony Pictures Releasing Italia
PAESE: USA 2010
GENERE: Spionaggio, Thriller
DURATA: 100 Min
FORMATO: Colore 2.35 : 1



Trama: 

Per diventare agente della CIA, Evelyn Salt ha fatto giuramento sul suo onore di servire la patria. Quando un disertore la accusa di essere una spia russa sotto mentite spoglie, Evelyn dovrà dimostrare di essere fedele ai principi su cui ha giurato. Inizia così la sua fuga, forte dell'esperienza e dei contatti creati in tanti anni di lavoro come agente segreto. Dovrà dimostrarsi più furba dei suoi colleghi per evitare la cattura e proteggere il marito.


Commento (del 21 Agosto 2010): 

Dopo Wanted Angelina Jolie torna in un ruolo action in questa spy-story discretamente girata da Phillip Noyce (Catch a Fire). Velatamente ispirato nel nome al progetto proposto nel 1967 dall'allora Presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson all'Urss per la limitazione degli armamenti strategici (Strategic Armaments Limitations Talks), l'ultima fatica della signora Pitt è un thriller discreto che non cattura completamente ma non delude neanche. Un finale aperto lascia la porta socchiusa per un possibile seguito, consigliato solo ai Fan del genere.


Pro.
Trama sufficiente
Regia senza difetti

Contro.
Sceneggiatura poco credibile.
Senza Originalità






Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.