SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

mercoledì 14 novembre 2012

15 Novembre: Programma della Settima Giornata

Giudizio Film 

Duzhan

La giornata del Festival offre tre film in concorso, tutti in sala Sinopoli: apre alle 16.30 Un enfant de toi di Jacques Doillon; alle 19.30 è la volta di A Glimpse inside the Mind of Charles Swan III di Roman Coppola, e alle 22 Duzhan del cinese Johnnie To.

L’incontro con Walter Hill in sala Petrassi è l’evento delle 17, la seconda delle masterclass previste nel programma della settima edizione.

Ricco programma per la selezione CinemaXXI. In competizione Bloody Daughter di Stéphanie Argerich (ore 19, sala Petrassi), Tutto parla di te di Alina Marazzi (ore 21.30, sala Petrassi), e alle 17 al MAXXI Avanti Popolo di Michael Wahrmann, preceduto dalla proiezione del cortometraggio argentino El ruido de las estrellas me aturde di Eduardo Williams. Sempre al MAXXI, alle 22, verrà proiettato Da Vinci, cortometraggio di Yuri Ancarani.

O batuque dos astros di Julio Bressane completa il programma di giornata, alle 21 in Teatro Studio.

Per la Retrospettiva “Cinema Espanso”, al MAXXI verrà proiettato Collage, l’autobiografia dell’artista Isaia Mabellini, in arte Sarenco.

Al Cinema Barberini, Sala 2, alle 9 Alì ha gli occhi azzurri di Claudio Giovannesi, alle 11 Tanez Deli di Ivan Vyrypaev. Nel pomeriggio, in Sala 1, alle 15 Italian Movies di Matteo Pellegrini, alle 17.15 Acqua fuori dal ring di Joel Stangle, alle 20.30 l’Evento Speciale con il documentario Ebrei a Roma di Gianfranco Pannone, e alle 22.30 Ixjana di Józef e Michał Skolimowski

La sezione autonoma e parallela Alice nella città presenta in concorso l’italiano Pulce non c’è, di Giuseppe Bonito, e You and me forever del danese Kaspar Munk. (FonteInfo)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.