SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

giovedì 30 maggio 2013

La grande Bellezza– “A far l'amore comincia tu”– a cura di BettyBoy

Giudizio Film 

La grande Bellezza - A far l'amore comincia tu

USCITA CINEMA: 21/05/2013
GENERE: Drammatico
REGIA: Paolo Sorrentino
SCENEGGIATURA: Paolo Sorrentino, Umberto Contarello
ATTORI: Toni Servillo, Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Roberto Herlitzka, Isabella Ferrari, Giorgio Pasotti, Vernon Dobtcheff, Serena Grandi, Luca Marinelli, Giulia Di Quilio, Massimo Popolizio, Giorgia Ferrero, Pamela Villoresi, Carlo Buccirosso, Ivan Franek, Stefano Fregni
FOTOGRAFIA: Luca Bigazzi
MONTAGGIO: Cristiano Travaglioli
MUSICHE: Lele Marchitelli
PRODUZIONE: Indigo Film, Medusa Film, Babe Films, Pathé
DISTRIBUZIONE: Medusa Film
PAESE: Francia, Italia 2013
DURATA: 142 Min
FORMATO: Colore

In concorso al Festival di Cannes 2013

 

 

 

Trama:

Roma si offre indifferente e seducente agli occhi meravigliati dei turisti, è estate e la città splende di una bellezza inafferrabile e definitiva. Jep Gambardella ha sessantacinque anni e la sua persona sprigiona un fascino che il tempo non ha potuto scalfire. È un giornalista affermato che si muove tra cultura alta e mondanità in una Roma che non smette di essere un santuario di meraviglia e grandezza.

La grande Bellezza - Daruma.View.Cinema

Commento (di Bettyboy):

Un personaggio piuttosto classico il nostro, Jep Gambardella, entrato in un vortice sociale, da cui oramai ha sviluppato una dipendenza, tormentato dal continuo rimpianto di quei pochi frammenti di vita autenticamente vissuta che oramai si sono persi nel tempo. Talmente lontani nel tempo che hanno assunto una veste mitica più che realistica. Un rimpianto che a mio avviso accomuna la stragrande maggioranza delle persone sulla terra ragione per cui il nostro Jep è una perfetta rappresentazione, seppur estremizzata, di questa nostra società che balla pur sull'orlo dell'abisso. 

La grande Bellezza - Daruma.View.Cinema

Una Roma di una bellezza commovente presa ostaggio da folle barbare, situazione che qualsiasi romano conosce perfettamente pur non frequentando taluni ambienti. Ad ogni passo nel centro pare di stare in un teatrino o ad assistere ad una sceneggiata posticcia. Ho apprezzato questa descrizione estasiata di Roma, che pure non ne nasconde le miserie, che mi sembra differire molto dal classico utilizzo "paraculo" di Roma della maggioranza dei registi che ne sfruttano la bellezza come cornice delle vicende del classico sfigato che è talmente sfigato da vivere a Trastevere. Questa ipocrisia Sorrentino ce la risparmia, saranno trent'anni che al centro di Roma non c'è ombra di uno sfigato, li hanno sterminati tutti e ringraziamo Alemanno perché ha eliminato gli ultimi sopravvissuti (XD).

Lunga carrellata di mostri, seppur profondamente umani, da cui ad essere sinceri con se stessi non è così facile prendere le distanze. E il caro Jep lo sa bene, osservando tutto e tutti con il suo sguardo sornione. Alcune scene sono tagliate un po’ con l'accetta ma sembra quasi un effetto voluto questa comunicazione mai lineare.

La grande Bellezza - Daruma.View.Cinema

Non condivido chi parla di questo film come di un film presuntuoso e non riuscito, sicuramente merita più di una visione perché di non immediata fruizione tuttavia continuo ad amare visceralmente questo sodalizio artistico Sorrentino/Servillo che mi appassiona ad ogni passo. Molto efficace, a mio avviso, l'accostamento continuo delle barbarie con la spiritualità, intesa in un senso ampio del temine e non strettamente religioso. Ma non cercate soluzioni o redenzioni di sorta, nessun artista serio oramai si azzarda più a proporle. (by BettyBoy)

La grande Bellezza - Daruma.View.Cinema

Pro. 

  • Una Roma meravigliosa quanto sincera.
  • Bellissime interpretazioni.

Contro.

  • Di comprensione non immediata in tutte le sue sfaccettature.
  • Nessuna consolazione di sorta.

 

4 commenti:

  1. Questa settimana spero di riuscire ad andarlo a vedere, visto che continuo a leggere recensioni contrastanti!!

    RispondiElimina
  2. Non è sicuramente un film facile però indubbiamente è un film da vedere! Curioso di leggere cosa ne pensi. Più avanti voglio assolutamente buttare giù un mio commento.

    RispondiElimina
  3. Visto ieri sera, sono d'accordissimo con te! Sorrentino è finalmente andato oltre l'immagine di una Roma da cartolina!E' sicuramente un film di non immediata fruizione, soprattutto per coloro che sono abituati ad andare al cinema per vedere trame piene di fatti e di colpi di scena, ma questo è un film ben diverso, il cui lirismo non può essere confuso con "vuoto di contenuti" o "presunzione": Servillo riesce a farci penetrare in quell'orrore che stride con la bellezza di una città che sembra senza tempo,riesce a farci sentire la miseria di quei personaggi, per cui secondo me è riuscito nel suo intento! Poi io ho pensato tanto ad "8 e mezzo" guardandolo, questo accostamento tra mondanità e clero, la crisi creativa del protagonista, la miseria di quelle feste popolate da "gente che conta", la vera bellezza come purezza, lo spettacoli di magia ecc ecc

    RispondiElimina
  4. Sono felice che siamo d'accordo. Io ho continuato ad avere per giorni e giorni in testa le immagini del film, a mio avviso è un film molto potente. E continuo ad avere voglia di rivederlo!! Sorrentino ha fatto un film molto sincero, la mostruosità e la bellezza, la spiritualità e lo squallore stanno una accanto all'altra ad ogni passo, se non si è in grado di accettare questo non si è in grado di accettare la vita. Sorrentino si riconferma per me come uno dei cineasti di cui andare veramente fieri in quanto Italiani. Adoro il suo sguardo sulle cose.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.