SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

martedì 26 luglio 2011

Tatanka - Come Un Bisonte

Giudizio Film 
USCITA CINEMA: 06/05/2011
REGIA: Giuseppe Gagliardi
SCENEGGIATURA: Giuseppe Gagliardi, Maurizio Braucci, Massimo Gaudioso, Salvatore Sansone, Stefano Sardo
ATTORI: Clemente Russo, Carmine Recano, Giorgio Colangeli, Rade Serbedzija, Susanne Wolff, Sascha Zacharias, Raiz, Damir Todorovic, Claudia Ruffo, Lorenzo Scialla, Vincenzo Pane, Luisa Di Natale, Enzo Casertano, Luis Molteni


FOTOGRAFIA: Michele Paradisi
MONTAGGIO: Simone Manetti
MUSICHE: Peppe Voltarelli
PRODUZIONE: Margherita Film, Gruppo Minerva International
DISTRIBUZIONE: Bolero film
PAESE: Italia 2011
GENERE: Drammatico
DURATA: 100 Min
FORMATO: Colore







Trama:

Nei feudi della camorra, in una terra dilaniata da una guerra cruenta, la straordinaria avventura di un ragazzo che riesce a sfuggire a un destino certo. Grazie all'incontro con la boxe riuscirà ad emanciparsi, in un percorso che lo porterà alla scoperta di se stesso, dal baratro della periferia di Caserta, passando per l'inferno dei ring clandestini di Berlino. Una strada tortuosa verso un riscatto difficile e inaspettato.


Commento:

Un riscatto sociale crudo e violento di un ragazzo di strada vittima dei territori avvilenti della Camorra.  Tratto dal racconto di Roberto Saviano: “Tatanka Scatenato” contenuto ne La bellezza e l'inferno il film si avvale della presenza e potenza scenica del vicecampione olimpico a Pechino 2008 Clemente Russo sopranominato Tatanka (bisonte) per il suo stile di combattimento che ha schivato l’adescamento alla camorra proprio focalizzando la sua rabbia nel mondo della boxe.  Il film se pur privo dello spesso narrativo e del potente linguaggio radicale del film di Garrone (Gomorra) offre comunque ottimi spunti di riflessione di uno scenario pieno di insidie e oscurità dalla quale è difficile risalire. Con una sceneggiatura poco originale ma perfettamente amalgamata e le interpretazioni del cast completamente all’altezza Tatanka conferma il pugilato come mezzo perfetto di analisi sociologica nel mostrare un uomo alla ricerca di se stesso e della libertà.


Pro.
Protagonista Reale.
Ottimo montaggio.


Contro.
Trama poco originale anche se vera.
Qualche momento di sentimentalismo forzato.



 Il Protagonista:  Clemente Russo

Clemente Russo (Marcianise, 27 luglio 1982) è un pugile, attore e personaggio televisivo italiano.


Campione del mondo dilettanti a Chicago 2007 e vicecampione olimpico a Pechino 2008. Soprannominato da Don King "the white hope", ha vinto anche un bronzo agli Europei Juniores del 1998, cinque titoli italiani, i mondiali militari del 2004 e la medaglia d'oro ai Giochi del Mediterraneo di Almeria del 2005.
Il suo soprannome, Tatanka (bisonte), deriva dal suo stile di combattimento.
Alle Olimpiadi di Pechino ha vinto la medaglia d'argento, perdendo in finale con il russo Rachim Čakchiev che ha ottenuto la rivincita del mondiale 2007. È stato inoltre il portabandiera della nazionale olimpica italiana nella cerimonia di chiusura delle Olimpiadi del 24 agosto 2008.
In occasione dei Giochi Olimpici, lo scrittore Roberto Saviano ne ha fatto un profilo sull'Espresso nell'agosto 2008, pubblicato nella sua opera La bellezza e l'inferno.
A ottobre 2008 partecipa al reality show di Italia 1 la Talpa, arrivando secondo.
Nel 2009 partecipa, in qualità di protagonista, alle riprese del film Tatanka, venendo per questo sospeso per un periodo di sei mesi dalla Polizia di Stato
Il 27 maggio 2011 vincendo la finale individuale del WSB e diventando Campione del Mondo Individuale ottiene la qualificazione diretta ai giochi olimpici di Londra 2012. (fonte wikipedia)





Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.