SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT

SITO UFFICIALE DARUMA-VIEW.IT
TI ASPETTIAMO

giovedì 22 agosto 2013

Red 2 - Show me something – a cura di BettyBoy

Giudizio Film 

Red2

USCITA CINEMA: 21/08/2013
GENERE: Azione, Commedia, Thriller
REGIA: Dean Parisot
SCENEGGIATURA: Erich Hoeber, Jon Hoeber
ATTORI: Bruce Willis, Anthony Hopkins, Helen Mirren, John Malkovich, Catherine Zeta-Jones, Mary-Louise Parker, Lee Byung-hun, Neal McDonough, David Thewlis
FOTOGRAFIA: Enrique Chediak
MUSICHE: Alan Silvestri
PRODUZIONE: DC Entertainment, Di Bonaventura Pictures
DISTRIBUZIONE: Universal Pictures
PAESE: USA 2013
DURATA: 116 Min
FORMATO: Colore

 

 

 

 

 

Trama:

L'ex agente speciale CIA Frank Moses riunisce la sua improbabile squadra di agenti segreti in una ricerca a livello globale per rintracciare un congegno nucleare portatile scomparso. Per riuscire, dovranno sopravvivere ad un esercito di implacabili assassini, spietati terroristi e incontrollati ufficiali governativi, desiderosi di accaparrarsi quest'arma di ultima generazione. La missione porterà Frank e la sua eterogenea squadra a Parigi, Londra e Mosca. Senza armi e senza equipaggiamento, possono contare solo sulla loro astuzia, il loro spirito, la loro esperienza e la fiducia in loro stessi mentre cercano di salvare il mondo – provando a rimanere vivi.

RED 2

Commento:

In questo divertentissimo secondo episodio, diretto da Dean Parisot (Dick e Jane – Operazione furto e Modern Family), ritroviamo l’esilarante coppia di agenti segreti in pensione Bruce Willis e John Malkovich. L’ episodio è costruito come una terapia collettiva per la coppia innamorata ma annoiata Mary Louise Parker/Bruce Willis che per ritrovare linfa vitale non può fare altro che cedere all'azione. Parisot si trova a dirigere una pellicola che è un vero e proprio omaggio alla old school che ancora "spacca" riesumando la contrapposizione nucleare Usa/Russia così piacevolmente old fashion tanto cara alla cinematografia eighties ambientando alcune scene niente popò di meno che nel Cremlino. Tuttavia non mancano neanche le rivisitazioni contemporanee che strizzano l’occhio alle tigri asiatiche, troviamo infatti la sfida con il sex symbol sudcoreano Byung-hun Lee.

La pellicola, pur essendo eccessivamente lunga, mantiene egregiamente il ritmo grazie ad un uso sapiente delle scene di azione che pur sono al limite dell'inverosimile. Assolutamente strepitosa la sparatoria nella Lotus blu con il sottofondo di "Given Up" dei Linkin Park. I tempi comici sono perfetti e si ride sempre e di gusto, bellissima la scena in cui questi simpatici sessantenni si travestono da liceali per mimetizzarsi.

RED 2

Inoltre per un divertimento sicuro si può contare su di un parterre di attori stellare, fra tutti una sfolgorante Helen Mirren terribilmente sexy nonostante l'età che ci delizia con una parodia delle sue stesse interpretazioni passate, dalla Regina Carlotta alla Regina Elisabetta.

A proposito di scene inverosimili francamente rimango sempre più sconcertata dall'uso leggero che sempre più frequentemente la cinematografia recente fa delle bombe nucleari, le quali serenamente vengono fatte esplodere senza grosse preoccupazioni di sorta. Qualcuno paghi ai cineasti hollywoodiani un giretto a Hiroshima e spieghi loro cosa è la radioattività. Ok che parliamo di film leggeri ma non mi pare il caso di far passare così superficialmente questioni che minacciano costantemente la sopravvivenza del pianeta (vedi pure l'ultimo Batman di Nolan). A parte queste superficialità ci si diverte di brutto. (di BettyBoy)

RED 2

Pro.

  • Divertimento a palate.
  • Cast strepitoso.

Contro.

  • La consueta superficialità colpevole con cui si trattano temi come lo spionaggio, la tortura o le bombe nucleari.
  • Un po’ troppo lungo.

 

per visualizzare il trailer clicca qui.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Select Your Language

Il proprietario del blog e gli autori degli articoli dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori che saranno i soli responsabili delle proprie dichiarazioni, secondo le leggi vigenti in Italia. Eventuali commenti, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.